• REXENERGY

Europa: dagli edifici quasi energy zero ai distretti energetici net-zero



Un nuovo rapporto “From nearly-zero energy buildings to net-zero energy districts” del Joint Research Centre (Jrc) della Commissione europea esplora i vantaggi e le sfide dell’approccio dei distretti energetici net-zero.


Al Jrc ricordano che «Gli edifici nell’Ue sono responsabili di circa il 40% del consumo di energia e del 36% delle emissioni di CO2, rendendoli il singolo maggiore consumatore di energia in Europa. Quasi il 75% del patrimonio edilizio è inefficiente dal punto di vista energetico, ma ogni anno viene rinnovato solo lo 0,4 – 1,2% (a seconda del Paese) degli edifici. Migliorando le prestazioni energetiche negli edifici, l’Ue può raggiungere più rapidamente i suoi obiettivi energetici e climatici».


Generalmente, quando si parla di efficienza energetica e produzione di energia rinnovabile negli edifici, l’attenzione si concentra principalmente sui singoli edifici, ma l’attuazione degli obiettivi energetici e climatici della strategia Europa 2020 ha innescato la trasformazione dei quartieri europei in distretti energetici net-zero.


Un nuovo rapporto del Jrc analizza 7 Comuni all’avanguardia, con esperienze molto diverse, che hanno fissato obiettivi ambiziosi per ridurre la loro domanda di energia e aumentare la loro quota di energia fornita da fonti locali di energia rinnovabile. A Cloughjordan, in Irlanda sono già stati rinnovati 350 edifici, con una riduzione del consumo di energia di 3,5 MWh/anno. Un nuovo eco-villaggio di 132 case è interamente riscaldato da fonti di energia rinnovabile.


Helsingør, Danimarca e Helsingborg, Svezia. Helsingborg vuole diventare un comune carbon neutral entro il 2030 e con il 100% di teleriscaldamento da energie rinnovabili entro il 2035. Helsingør vuole raggiungere la carbon neutrality entro il 2050.


L’isola di Hvar vuole raggiungere il 20% dell’autosufficienza energetica entro il 2020 e aumentare la sicurezza dell’approvvigionamento sull’isola ottimizzando il consumo di energia degli edifici nel settore privato e pubblico.


Stadtwerk nel land austrico di Salisburgo punta a diventare climate neutral fossil fuel free e quasi indipendente energeticamente entro il 2050. La domanda di calore per i nuovi edifici sarà inferiore del 75% rispetto allo standard attuale. L’energia solare ora copre circa il 35% della domanda annuale di calore e il distretto utilizza il 78% in meno di energia proveniente dai combustibili fossili.


Il distretto di Valby, nella capitale danese Copenaghen, vuole fornire il 15% di tutta l’energia elettrica dal fotovoltaico. Sono stati rinnovati quasi 300 unità abitative e 13.500 m2 di edifici pubblici e energetica sono state costruite 500 nuove unità abitative ad alta efficienza per 40.000 m2.


A Saragozza, in Spagna, sono stati costruiti 9650 alloggi sociali basati su principi bioclimatici, con una riduzione media del consumo di riscaldamento del 75%.


Cernier, Val-de-Ruz, in Svizzera, punta a raggiungere l’autosufficienza energetica entro il 2030. Già oggi i risparmi energetici negli edifici ristrutturati hanno raggiunto in media oltre il 70%.


Il Jrc dice che i 7 progetti, descritti nel suo rapporto «Sono un esempio impressionante di misure climatiche ed energetiche molto ambiziose che possono essere realizzate dalle amministrazioni locali con un ruolo fondamentale svolto dal coinvolgimento e dall’azione dei cittadini. Tutti questi progetti, selezionati tra più di 60 distretti zero energy identificati in Europa, hanno adottato un approccio olistico all’efficienza energetica, con particolare attenzione all’efficienza energetica negli edifici (nuovi e rinnovati). Rappresentano un’importante fonte di ispirazione e informazioni preziose sulle urgenti sfide energetiche e climatiche per i responsabili politici a diversi livelli».


Gli autori del rapporto sottolineano la necessità di obiettivi chiari e comparabili: «Mentre ogni Comune mira a ridurre la domanda di energia e ad aumentare la quota della sua fornitura di energia da fonti energetiche rinnovabili locali, gli obiettivi sono fissati in modi diversi. La tempistica per raggiungere l’obiettivo concordato a livello locale varia da un Comune all’altro. L’analisi ha mostrato i benefici dalla pianificazione intersettoriale che va oltre le questioni energetiche per includere altri criteri di sostenibilità».


Anche noi in Italia possiamo essere un esempio installando un sistema di pannelli fotovoltaici con batteria di accumulo CLICCA QUI e scopri tutti gli incentivi e i vantaggi


fonte: greenreport

REXENERGY - Energie Rinnovabili      P.iva 02862320989  -   REA484474   

Privacy

  • Twitter REXENERGY
  • Facebook rexenergy
  • instagram rexenergy
  • LinkedIn rexenergy